Open post
Add comments
Share
25
9
15

To be snob is an exercise

. It includes the exquisite search for multifaceted words, the most subtle understatements or the trapping contradictions. It does not include the plain judgement (may it be an insult or not). Too much exercising makes you creepy, not enough makes you plain, the right amount is healthy. And so it has an intimate face as well as a social face. I'd file under such exercises' category this article that I found on FAZ newspaper September the 12th. It is a report of the Venice Film Festival. The Festival is seen through the frames of Beixi moshuo, the last film presented to the audience, and maybe, the key to understand the whole show, as Frau Lueken claims. Compared to Beixi moshuo other films seem somehow less truthful to the journalist, less relevant, less necessary.20150925_163411 Cinema works by illusion, and this accepted illusion in missing nowadays, this is the main issue. The exercise is to plead this idea through the comparison between a documentary ("guerrillamäßig gefilmt, Kameras sind in den Minen nicht gern gesehenFilmed with an hidden Camera, Cameras are not easily accepted in the mines") and a bunch of other products that aren't documentaries but they tell stories that should be relevant. Here comes the paradox.
das Kino mische sich in die Geschichte ein, spiele eine Rolle in der Wirklichkeit, wenigstens rückblickend, als InterpretationsmaschineCinema mixes with the story, it has a role in reality, at least as a look in the past, as a tool to understand
Cinema wants to stay relevant, and to do so the illusion must affect reality (and be accepted by real audience). The story shall have an effect on real life, or it shall help to understand it. I want to support Frau Lueken judgement whilst I did not watch any of the Festival's films: the best film of the 2015 Festival is a documentary, it is the only one that keeps the necessary illusion alive. Thank to this assumption the (snob) exercise is effective, it makes possible to not put under questioning the artistic quality of other productions, but to get rid of all of them at once. Cinema needs illusion to exist, the only production that could preserve it has been a documentary, not a film produced, written and directed with illusion as legitimate source (might it tell as well about plausible life events). At this point the article is almost done and the last question is waiting to complete it. It is useless to look for masterpieces and lament for their absence, or to doubt on the cinema health and life expectations. The question is: is there any question still worth of inquire ("Bleiben Fragen, über die sich nachzudenken lohnt?"). To Frau Lueken, the Venice Film Festival is a treasure because it makes this question surface. Hop! Exercise complete! Is there any reason at all to spend this huge amount of resources to tell plain, common, repetitive stories? I've been asking myself for years, mostly out of boredom, a snob boredom, but still boredom. For the Snob muse everything must be unique and thus everlasting (in substance or memory), this are the features that open to significance. Times have changed though, they have changed centuries ago.
Et pourtant il naîtra des millions, des milliards d’êtres qui auront dans quelques centimètres carrés un nez, des yeux, un front, des joues et une bouche comme moi, et aussi une âme comme moi, sans que jamais je revienne, moi, sans que jamais même quelque chose de moi reconnaissable reparaisse  dans ces créatures innombrables et différentes, indéfiniment différentes bien que pareilles à peu près.And yet millions of beings will be born with a nose, eyes, forehead, cheeks, and mouth like me, and also a soul like me, without my ever returning, without even anything recognizable of me appearing in these countless different beings.
Norbert de Varenne, the terrified snob intellectual living among Guy de Maupassant's Bel-Ami pages, speaks this way. Gasping in the infinite sea of existence, the human mind has been lost for a long time now. Are we unique or just one like the other of an infinite series? How could Norbert de Varenne escape death when all his work and his life could never reach significance of any kind? Better live like Duroy, looking for everyday and social success, and never undertake the way of snob exercises.
Nevertheless this attitude shrinks the human kind to every single person life span, maybe a generation life span. It is like offering the neck to the executioner, with a tag "expires on... cut here". In my humble opinion, I welcome the snob question "is there anything we should still inquire and tell to each other?". In clear words: are our skills, tools and thinking still good enough to keep our work meaningful? Are we becoming just terrified solipsistic intellectuals (de Varenne) or absent-minded egoistic achiever (Duroy)?
Back to the cinema: maybe it is time to cut down enthusiasm and disgust to just look at our plain skills. Also it is time to understand that a tool like 3D animation doesn't provide more wonders than an hammer, they are just tools. And eventually understand that thinking may be money, but money is not thinking. Enough with common stories, sparkling effect and weak thinking. Enough with my exercises.
. Comprende la ricerca di parole caledoscopiche, di sottili sottintesi o di trappole sotto forma di  contraddizioni. Non include il semplice giudizio (possa esso essere un insulto o no). Troppo esercizio rende inquietanti, non abbastanza noiosi, la giusta quantità è salutare. Un esercizio che ha un'anima intima e una sociale. Vorrei considerare esercizio di snobbismo questo articolo che ho trovato nell'edizione della FAZ del 12 settembre. È un resoconto del Festival del Cinema di Venezia. La rassegna è vista attraverso i fotogrammi di Beixi moshuo, l'ultimo film presentato al pubblico, e forse, la chiave per comprendere l'intero festival (così crede Frau Lueken). Confrontati con Beixi moshuo gli altri film sembrano alla giornalista meno veritieri, meno rilevanti, meno necessari.20150925_163411 Il cinema funziona grazie all'illusione, e oggi l'illusione (collaborativa) manca, ecco la questione principale. L'esercizio è perorare questa idea attraverso il confronto tra un documentario ("guerrillamäßig gefilmt, Kameras sind in den Minen nicht gern gesehenRipreso con una telecamera nascosta, le telecamere non sono ben accette nelle miniere") e un insieme di altri prodotti che non sono documentari ma raccontano storie che dovrebbero essere altrettanto rilevanti. Ecco il paradosso.
das Kino mische sich in die Geschichte ein, spiele eine Rolle in der Wirklichkeit, wenigstens rückblickend, als InterpretationsmaschineIl cinema si mescola con la storia, gioca un ruolo nella realtà, quanto meno come sguardo nel passato, come macchina dell'interpretazione.
Il cinema vuole essere rilevante, e per esserlo l'illusione deve avere effetto sulla realtà (deve essere accettata dal pubblico in sala). La storia deve avere effetto sulla vita vera, o deve aiutare a capirla. Voglio accettare così com'è il giudizio di Frau Lueken, anche se non ho guardato nessuno dei film in gara: il miglior film della corrente edizione del Festival è un documentario, l'unico che mantiene viva la necessaria illusione. Grazie a questo assunto l'esercizio (snob) è efficace, è possibile evitare di interrogarsi sulla qualità artistica delle altre produzioni, è possibile disfarsene in blocco. Il cinema ha bisogno dell'illusione per esistere, l'unica pellicola che l'ha potuta preservare è un documentario, e non un film prodotto, scritto e diretto con l'illusione stessa come fonte legittima (racconti anche una storia plausibile). A questo punto l'articolo è alle sue ultime battute e una domanda aspetta di concluderlo. È inutile chiedersi se vi siano ancora capolavori e lamentare la loro assenza, o dubitare sulla salute del cinema e sul suo futuro. La domanda è: c'è ancora qualche dubbio degno di esser indagato ("Bleiben Fragen, über die sich nachzudenken lohnt?"). Per Frau Lueken il Festival del Cinema di Venezia è un tesoro perché fa emergere questa domanda. Hop! Esercizio completo!
C'è qualche ragione per spendere tutte queste risorse nel raccontare storie piatte, comuni e ripetitive? Me lo sono chiesto per anni, per noia più che altro, per noia snob, ma sempre per noia. Per la musa Snob tutto deve essere unico e eterno (nella sostanza o nella memoria), queste sono le caratteristiche che permettono ad un opera d'essere significativa. Ma i tempi sono cambiati, sono cambiati centinaia di anni fa.
Et pourtant il naîtra des millions, des milliards d’êtres qui auront dans quelques centimètres carrés un nez, des yeux, un front, des joues et une bouche comme moi, et aussi une âme comme moi, sans que jamais je revienne, moi, sans que jamais même quelque chose de moi reconnaissable reparaisse dans ces créatures innombrables et différentes, indéfiniment différentes bien que pareilles à peu près.Eppure nasceranno milioni, miliardi d'altri esseri che, tutti, avranno in poco spazio un naso, due occhi, una fronte, due guance e una bocca come la mia, un'anima, come la mia, ma io, io, non tornerò mai più, né riapparirà la minima traccia di me da riconoscee nelle creature innumere e diverse, infinitamente diverse, anche se in qualche modo uguali che vivranno.
Norberte de Varenne parla così, l'intellettuale snob e terrorizzato che vive tra le pagine di Bel-Ami di Guy de Maupassant. Annaspando nel mare infinito dell'esistenza, la mente umana si è persa ormai da tanto tempo. Siamo unici o siamo solo uno uguale all'altro in una serie infinita? Come può Norberte de Varenne salvarsi dalla morte se tutto il suo lavoro e la sua vita non raggiungeranno mai alcun significato? Meglio vivere come Duroy, che cerca il successo terreno e subitaneo, e non intraprendere mai gli esercizi snob. Eppure questa abitudine costringe il genere umano nel breve lasso di tempo della vita del singolo, magari della generazione. È come offrire il collo al boia, con un'etichetta "scade il... tagliare qui". Da parte mia, voglio accogliere la domanda dello snob "c'è ancora qualcosa che dobbiamo indagare e di cui dobbiamo parlarci l'un l'altro?". In semplici parole: sono le nostre capacità, i nostri mezzi e il nostro pensiero ancora abbastanza buoni per fare qualcosa di significativo? Stiamo diventando solo degli intellettuali solipsisti e terrorizzati (de Varenne) o degli arrivisti svampiti e egoisti (Duroy)? Tornando al cinema: forse e tempo di finirla con entusiasmo e disgusto e guardare disincantati alle nostre capacità. E ancora è tempo di accettare che l'animazione 3D non garantisce più meraviglie di un martello, sono solo attrezzi. E infine capire che il pensiero più trasformarsi in soldi, ma i soldi non possono trasformarsi in pensiero. Basta con storie comuni, effetti brillanti e pensiero debole. E basta anche con questi esercizi.  
0