Open post
Add comments
Share
7
10
15

While we are here

 doing whatever it is, information see light, grow, break the internet and fade. While we are here doing whatever it is, Reddit releases upvoted.com. An editorial magazine containing the best content on the aggregator, selected by a staff of champions. Basically, let there be (human) order, on the (users') chaos. I'm not on Reddit, I don't even browse it occasionally.  Nevertheless I know an huge amount of what I read, see, watch, has made it through the waste land of Reddit. Because of that it won the chance to appear in front of me. I can name a few sites I often visit that select and repost the most successful contents on Reddit. I guess there are also others I would not think to have such a source. And many more that, like me, receive the content born in Reddit second or third hand. The source is a main issue in the so called web era, it plays a key role on topics like truth verification or diffusion models. While we are here questioning our selves about the source, the source is evolving and humanizing itself. Will it keep this new form or soon withdraw? Is it a revolution? (Mentre noi siamo qua) a fare qualsiasi cosa sia, le informazioni nascono, crescono, irrompono sul web e spariscono. Mentre noi siamo qua a fare qualsiasi cosa sia, Reddit rilascia upvoted.com. Un magazine editoriale che raccoglie i migliori contenuti dell'aggregatore, selezionati da uno staff di campioni. In pratica, sia fatto l'ordine (umano), sul caos (degli utenti). Non sono su Reddit, non lo navigo nemmeno occasionalmente. Eppure so che una gran parte di cosa leggo, vedo e guardo ha attraversato il pandemonio di Reddit. Così ha guadagnato la possibilità di presentarsi al mio cospetto. Posso enumerare un po' di siti che visito spesso e che so selezionare e riproporre i contenuti di miglior successo su Reddit. Altri che non immagino condivideranno la stessa sorgente. E molti altri che, come me, ricevono i contenuti nati su Reddit di seconda o terza mano. La sorgente è una questione primaria nella cosiddetta era del web, gioca un ruolo fondamentale su temi come la verifica della veridicità o i modelli di diffusione. Mentre noi siamo qua a interrogarci sulla sorgente, la sorgente si sta evolvendo e umanizzando. Resisterà in questa nuova forma o tornerà presto all'originale? È in atto una rivoluzione?
0
Open post
Add comments
Share
25
9
15

To be snob is an exercise

. It includes the exquisite search for multifaceted words, the most subtle understatements or the trapping contradictions. It does not include the plain judgement (may it be an insult or not). Too much exercising makes you creepy, not enough makes you plain, the right amount is healthy. And so it has an intimate face as well as a social face. I'd file under such exercises' category this article that I found on FAZ newspaper September the 12th. It is a report of the Venice Film Festival. The Festival is seen through the frames of Beixi moshuo, the last film presented to the audience, and maybe, the key to understand the whole show, as Frau Lueken claims. Compared to Beixi moshuo other films seem somehow less truthful to the journalist, less relevant, less necessary.20150925_163411 Cinema works by illusion, and this accepted illusion in missing nowadays, this is the main issue. The exercise is to plead this idea through the comparison between a documentary ("guerrillamäßig gefilmt, Kameras sind in den Minen nicht gern gesehenFilmed with an hidden Camera, Cameras are not easily accepted in the mines") and a bunch of other products that aren't documentaries but they tell stories that should be relevant. Here comes the paradox.
das Kino mische sich in die Geschichte ein, spiele eine Rolle in der Wirklichkeit, wenigstens rückblickend, als InterpretationsmaschineCinema mixes with the story, it has a role in reality, at least as a look in the past, as a tool to understand
Cinema wants to stay relevant, and to do so the illusion must affect reality (and be accepted by real audience). The story shall have an effect on real life, or it shall help to understand it. I want to support Frau Lueken judgement whilst I did not watch any of the Festival's films: the best film of the 2015 Festival is a documentary, it is the only one that keeps the necessary illusion alive. Thank to this assumption the (snob) exercise is effective, it makes possible to not put under questioning the artistic quality of other productions, but to get rid of all of them at once. Cinema needs illusion to exist, the only production that could preserve it has been a documentary, not a film produced, written and directed with illusion as legitimate source (might it tell as well about plausible life events). At this point the article is almost done and the last question is waiting to complete it. It is useless to look for masterpieces and lament for their absence, or to doubt on the cinema health and life expectations. The question is: is there any question still worth of inquire ("Bleiben Fragen, über die sich nachzudenken lohnt?"). To Frau Lueken, the Venice Film Festival is a treasure because it makes this question surface. Hop! Exercise complete! Is there any reason at all to spend this huge amount of resources to tell plain, common, repetitive stories? I've been asking myself for years, mostly out of boredom, a snob boredom, but still boredom. For the Snob muse everything must be unique and thus everlasting (in substance or memory), this are the features that open to significance. Times have changed though, they have changed centuries ago.
Et pourtant il naîtra des millions, des milliards d’êtres qui auront dans quelques centimètres carrés un nez, des yeux, un front, des joues et une bouche comme moi, et aussi une âme comme moi, sans que jamais je revienne, moi, sans que jamais même quelque chose de moi reconnaissable reparaisse  dans ces créatures innombrables et différentes, indéfiniment différentes bien que pareilles à peu près.And yet millions of beings will be born with a nose, eyes, forehead, cheeks, and mouth like me, and also a soul like me, without my ever returning, without even anything recognizable of me appearing in these countless different beings.
Norbert de Varenne, the terrified snob intellectual living among Guy de Maupassant's Bel-Ami pages, speaks this way. Gasping in the infinite sea of existence, the human mind has been lost for a long time now. Are we unique or just one like the other of an infinite series? How could Norbert de Varenne escape death when all his work and his life could never reach significance of any kind? Better live like Duroy, looking for everyday and social success, and never undertake the way of snob exercises.
Nevertheless this attitude shrinks the human kind to every single person life span, maybe a generation life span. It is like offering the neck to the executioner, with a tag "expires on... cut here". In my humble opinion, I welcome the snob question "is there anything we should still inquire and tell to each other?". In clear words: are our skills, tools and thinking still good enough to keep our work meaningful? Are we becoming just terrified solipsistic intellectuals (de Varenne) or absent-minded egoistic achiever (Duroy)?
Back to the cinema: maybe it is time to cut down enthusiasm and disgust to just look at our plain skills. Also it is time to understand that a tool like 3D animation doesn't provide more wonders than an hammer, they are just tools. And eventually understand that thinking may be money, but money is not thinking. Enough with common stories, sparkling effect and weak thinking. Enough with my exercises.
. Comprende la ricerca di parole caledoscopiche, di sottili sottintesi o di trappole sotto forma di  contraddizioni. Non include il semplice giudizio (possa esso essere un insulto o no). Troppo esercizio rende inquietanti, non abbastanza noiosi, la giusta quantità è salutare. Un esercizio che ha un'anima intima e una sociale. Vorrei considerare esercizio di snobbismo questo articolo che ho trovato nell'edizione della FAZ del 12 settembre. È un resoconto del Festival del Cinema di Venezia. La rassegna è vista attraverso i fotogrammi di Beixi moshuo, l'ultimo film presentato al pubblico, e forse, la chiave per comprendere l'intero festival (così crede Frau Lueken). Confrontati con Beixi moshuo gli altri film sembrano alla giornalista meno veritieri, meno rilevanti, meno necessari.20150925_163411 Il cinema funziona grazie all'illusione, e oggi l'illusione (collaborativa) manca, ecco la questione principale. L'esercizio è perorare questa idea attraverso il confronto tra un documentario ("guerrillamäßig gefilmt, Kameras sind in den Minen nicht gern gesehenRipreso con una telecamera nascosta, le telecamere non sono ben accette nelle miniere") e un insieme di altri prodotti che non sono documentari ma raccontano storie che dovrebbero essere altrettanto rilevanti. Ecco il paradosso.
das Kino mische sich in die Geschichte ein, spiele eine Rolle in der Wirklichkeit, wenigstens rückblickend, als InterpretationsmaschineIl cinema si mescola con la storia, gioca un ruolo nella realtà, quanto meno come sguardo nel passato, come macchina dell'interpretazione.
Il cinema vuole essere rilevante, e per esserlo l'illusione deve avere effetto sulla realtà (deve essere accettata dal pubblico in sala). La storia deve avere effetto sulla vita vera, o deve aiutare a capirla. Voglio accettare così com'è il giudizio di Frau Lueken, anche se non ho guardato nessuno dei film in gara: il miglior film della corrente edizione del Festival è un documentario, l'unico che mantiene viva la necessaria illusione. Grazie a questo assunto l'esercizio (snob) è efficace, è possibile evitare di interrogarsi sulla qualità artistica delle altre produzioni, è possibile disfarsene in blocco. Il cinema ha bisogno dell'illusione per esistere, l'unica pellicola che l'ha potuta preservare è un documentario, e non un film prodotto, scritto e diretto con l'illusione stessa come fonte legittima (racconti anche una storia plausibile). A questo punto l'articolo è alle sue ultime battute e una domanda aspetta di concluderlo. È inutile chiedersi se vi siano ancora capolavori e lamentare la loro assenza, o dubitare sulla salute del cinema e sul suo futuro. La domanda è: c'è ancora qualche dubbio degno di esser indagato ("Bleiben Fragen, über die sich nachzudenken lohnt?"). Per Frau Lueken il Festival del Cinema di Venezia è un tesoro perché fa emergere questa domanda. Hop! Esercizio completo!
C'è qualche ragione per spendere tutte queste risorse nel raccontare storie piatte, comuni e ripetitive? Me lo sono chiesto per anni, per noia più che altro, per noia snob, ma sempre per noia. Per la musa Snob tutto deve essere unico e eterno (nella sostanza o nella memoria), queste sono le caratteristiche che permettono ad un opera d'essere significativa. Ma i tempi sono cambiati, sono cambiati centinaia di anni fa.
Et pourtant il naîtra des millions, des milliards d’êtres qui auront dans quelques centimètres carrés un nez, des yeux, un front, des joues et une bouche comme moi, et aussi une âme comme moi, sans que jamais je revienne, moi, sans que jamais même quelque chose de moi reconnaissable reparaisse dans ces créatures innombrables et différentes, indéfiniment différentes bien que pareilles à peu près.Eppure nasceranno milioni, miliardi d'altri esseri che, tutti, avranno in poco spazio un naso, due occhi, una fronte, due guance e una bocca come la mia, un'anima, come la mia, ma io, io, non tornerò mai più, né riapparirà la minima traccia di me da riconoscee nelle creature innumere e diverse, infinitamente diverse, anche se in qualche modo uguali che vivranno.
Norberte de Varenne parla così, l'intellettuale snob e terrorizzato che vive tra le pagine di Bel-Ami di Guy de Maupassant. Annaspando nel mare infinito dell'esistenza, la mente umana si è persa ormai da tanto tempo. Siamo unici o siamo solo uno uguale all'altro in una serie infinita? Come può Norberte de Varenne salvarsi dalla morte se tutto il suo lavoro e la sua vita non raggiungeranno mai alcun significato? Meglio vivere come Duroy, che cerca il successo terreno e subitaneo, e non intraprendere mai gli esercizi snob. Eppure questa abitudine costringe il genere umano nel breve lasso di tempo della vita del singolo, magari della generazione. È come offrire il collo al boia, con un'etichetta "scade il... tagliare qui". Da parte mia, voglio accogliere la domanda dello snob "c'è ancora qualcosa che dobbiamo indagare e di cui dobbiamo parlarci l'un l'altro?". In semplici parole: sono le nostre capacità, i nostri mezzi e il nostro pensiero ancora abbastanza buoni per fare qualcosa di significativo? Stiamo diventando solo degli intellettuali solipsisti e terrorizzati (de Varenne) o degli arrivisti svampiti e egoisti (Duroy)? Tornando al cinema: forse e tempo di finirla con entusiasmo e disgusto e guardare disincantati alle nostre capacità. E ancora è tempo di accettare che l'animazione 3D non garantisce più meraviglie di un martello, sono solo attrezzi. E infine capire che il pensiero più trasformarsi in soldi, ma i soldi non possono trasformarsi in pensiero. Basta con storie comuni, effetti brillanti e pensiero debole. E basta anche con questi esercizi.  
0
Open post
Add comments
Share
17
3
15

The sound of violence

is a matter of design. As the title of this post, it was designed to catch your attention and put you in a peculiar state of mind. The same process can be applied to sound, I guess it may be obvious for many of you. Still I'd like to indulge on it for a later use. What follows is taken from a nice (and Italian) manual of Visual Design by Professor Falcinelli
Tutto ciò che si vede fa parte del visual design? Non tutto. Tutto quello che è progettato per essere visto secondo certe intenzioni: per informare, raccontare o sedurre.
It is like saying "not everything is design, but everything that is designed is design". Does it sound silly or boring? Because it is, but this is a different story. If you are reading your attention was probably caught by my title, and your mind is set to wait for something that gives sense to the title. Have you seen any movies about superheroes lately? Yes: probably you were exposed to the sound of violence. I don't mean "sound" generally, but a very singular sound that was designed for its purpose. I hope you'll agree with me by the end of the post, thanks to some movie trailers. Let's go back to The Avengers first chapter, time 00:29 (click play and the video should start at the right time), you may stop at 00:38. Did you hear that repeated deep horn sound coming from nowhere? First time it matches an aerial view of some military base, second time it matches just a blank screen. It is not possible to know what is the source of it, still I wouldn't call it "background". It is predominant to the point that it has its own moment, on a blank screen without any image to bother it. It was April 2012, and the crowd was excited and frightened by the incoming horrible threat for the whole world. Second trailer, Pacific Rim, time 1:15 Slightly modified but the horn can be clearly heard again. The first time it might be erroneously mistook for a sound  produced by the enormous robots, but soon it matches casual frames. It matches also claims, not exactly intra diegetic elements. The threat is back again, huge, deep, massive, it was July 2013. Transformer 4, time 1:18 Maybe modified once more, but the known sound is there again. This time it can't be mistaken for part of the story, it comes with claims that are even announcing the seasonal event of the movie's launch. The threat comes on June, summer 2014. Please, bear one last trailer: The Avengers, age of Ultron. Time 1:57 During this trailer the horn sound can't be clearly heard as it has been in previous cases, it is mixed with various other sounds in a more intra diegetic context. During the trailer's ending, while the evil enemy utters his horrible anathema and the catching logo appears, the horn is more recognizable among other sounds. April 2015, the threat has probably grown to a more complex one. It may be said a new era has come bringing more powerful enemies whose menaces are twisted as the sound that announces them. You may not agree with the definition of "sound of violence" that I choose to catch your attention, let's call it just a threatening sound. This sound adapts itself to 4 different movies: maybe the movies are more or less similar to each other, but the companies and persons behind (and into) the four movies are probably be different, and so shall be the audience expectations. The threatening sound is always there, it has different timing but always the same pounding role: it shall be clear to the audience that the threat is close and huge. The sound draw its own path during the years, building its persuasive story. While it is a supporting element in other stories (the tales told by the movies), it is starring in its own cross-movies tale.  This is because someone is telling a story of threat and horror, that even a distracted audience is surely following year after year. It doesn't matter at what timing the sound is played, intra or extra diegetic, because it has not only a role, but a story of itself: the story of a well recognizable threat. To move back to the design field, the sound is repeated over and over, trailer after trailer. This is the one main feature of design: repeatability. Not only as a means of use, but as an inner quality of the product. The Visual Design manual tells us that there can't be an original product of design, only copies of it. This because it is not only a productive need that shapes the product but an aesthetic, functional and meaningful horizon. The sound is designed to bring a story of threats, contemporary threats included in its peculiar design. To be pounding is a main feature to let the audience know that that menace is right there, during the movie and year after year. One last thing I'd like to take from the manual is that design is a discourse that is part of a historic and cultural language. It is within this language that this discourse is designed to be sensible for our receptors. The analysis of this "sound of violence" by notions of physics, anthropology and the likes may say a lot more about what is running around western society today. Unfortunately I don't hold such knowledge, so I just can say to you: in case you hear the sound of violence run, chances are an horrible monster is right behind you. And tell your kids.
è una questione di design. Come il titolo di questo post è stato pensato per catturare la vostra attenzione e porvi in una particolare disposizione mentale. Lo stesso processo può essere applicato a un suono, credo sia ovvio, almeno per molti di voi. Vorrei soffermarmi un attimo su queste osservazioni per poi riprenderle più avanti. Segue una citazione tratta dal manuale di Visual Design del Professor Falcinelli.
Tutto ciò che si vede fa parte del visual design? Non tutto. Tutto quello che è progettato per essere visto secondo certe intenzioni: per informare, raccontare o sedurre.
È come dire "non tutto è design, ma tutto quello che è frutto di design lo è". Suona sciocco o noioso? Perché lo è, ma questa è un'altra storia. Se state leggendo probabilmente la vostra attenzione è stata catturata dal mio titolo, e la vostra mente aspetta qualcosa che chiarisca il senso del titolo stesso. Avete visto un film con i supereroi ultimamente? Sì: è probabile che siate stati esposti al suono della violenza. Non intendo  "suono" in generale, ma un suono specifico, progettato per il suo compito. Spero che alla fine di questo post sarete d'accordo con me, grazie ad alcuni trailer. Torniamo indietro fino a The Avengers primo capitolo, al secondo 00:29 (il video dovrebbe avviarsi da quel punto), potete interrompere già al secondo 00:38. Avete sentito quel suono di corno profondo e ripetuto arrivare dal nulla? La prima volta corrisponde a una veduta aerea, presumibilmente una base militare, subito dopo corrisponde a un nero. Non è possibile individuarne la fonte, tuttavia non lo definirei un suono di "sottofondo". È anzi predominante al punto di avere il suo momento, su un schermo nero senza immagini a disturbarlo. Era l'aprile del 2013 e il pubblico era eccitato e spaventato dall'avvento di un'orribile minaccia per il mondo intero. Secondo trailer, Pacific Rim, secondo 1:15 Leggermente modificato il corno è di nuovo chiaramente riconoscibile. Di primo acchito può essere scambiato per un suono prodotto dagli enormi robot, ma presto lo ritroviamo anche  su fotogrammi casuali. Accompagnerà anche dei titoli, non proprio elementi intra-diegetici. La minaccia è tornata, enorme, gigantesca, è il maggio del 2013 Trasformers 4, secondo 1:18 Forse modificato ulteriormente, ma lo riconosciamo ancora. Questa volta non possiamo scambiarlo per parte del racconto, accompagna i titoli che addirittura annunciano l'uscita del film nelle sale. La minaccia arriva a giugno, nell'estate del 2014. Ecco l'ultimo trailer: The Avengers, age of Ultron, secondo 1:57 Lungo questo trailer il corno non può essere percepito chiaramente come nei casi precedenti, è confuso con altri suoni in un contesto intra-diegetico. Sul finire del trailer, mentre il malvagio nemico scaglia il suo orribile anatema e appare il logo dell'opera, allora il corno è meglio riconoscibile tra altri suoni. È l'aprile del 2015, la minaccia è divenuta più complessa. Si può dire che una nuova era porta nemici più potenti, i cui poteri sono ben più insidiosi, ce lo comunicano anche i suoni che li accompagnano. Potreste non essere d'accordo con la definizione "suono della violenza" che ho scelto, usiamo un più neutro "suono minaccioso". Questo suono si adatta a 4 film differenti: forse i film hanno un minimo comun denominatore, ma le imprese e le persone che li hanno realizzati sono probabilmente diverse, e così le aspettative del pubblico. Il suono minaccioso è sempre lì, ha tempi diversi ma sempre il suo ruolo martellante: deve essere chiaro al pubblico che la minaccia è enorme e molto vicina. Il suono disegna il suo percorso anno dopo anno, costruendo la sua storia persuasiva. Ha un ruolo di supporto nel racconto dei film, ma è protagonista nel suo racconto attraverso i diversi film. Questo perché qualcuno vi sta raccontando una storia di orrore e minaccia. Una storia che anche un pubblico distratto segue negli anni. Non importa in quale contesto il suono appaia, intra- o extra-diegetico, perché non ha solo un ruolo, ma una storia propria: la storia di una minaccia ben riconoscibile. Per tornare al design, il suono è ripetuto costantemente, trailer dopo trailer. Questa è una caratteristica prima del design: ripetibilità. Non solo come effetto dell'uso, ma come qualità intrinseca del prodotto. Il manuale di Visual Design ci dice che non esiste originale di un prodotto di design, solo copie. Questo perché non sono solo le necessità di produzione che danno forma al prodotto, ma un orizzonte estetico, funzionale e di senso. Il suono è progettato per trasmettere una storia minacciosa, di minacce contemporanee che sono incluse nel suo particolare design. Essere martellante è una sua caratteristica principale che fa sì che il pubblico sappia quanto la minaccia è vicina, attraverso diversi film, anno dopo anno. Un'ultima suggestione che mi piacerebbe ricavare dal manuale è che il design è un discorso che è parte di una lingua storica e culturale. È all'interno di questa lingua che il discorso è progettato per essere percepito dai nostri recettori. L'analisi di questo "suono della violenza" con gli strumenti della fisica, dell'antropologia e simili, potrebbe dire molto di cosa corre attraverso l'odierna società occidentale. Sfortunatamente non ho queste conoscenze, quindi posso solo avvertirvi: se vi capita di sentire il suono della violenza scappate, è molto probabile che un orribile mostro sia già alle vostre spalle. È spiegatelo ai vostri figli.
0